Competenza Imprenditoriale

Autore
Luisa Treccani
Pubblicazione
25-03-20

La competenza imprenditoriale consiste nella capacità di assumere idee e cercare opportunità, saperle trasformare attivamente in valori per gli altri.

La settima competenza chiave per l’apprendimento permanente è la cosiddetta competenza imprenditoriale e consiste nella capacità di assumere idee e cercare opportunità, saperle trasformare attivamente in valori per gli altri. 

Tra le conoscenze si prevede saper conoscere e capire gli approcci funzionali a programmare e gestire la progettualità in tutte le fasi, dalla pianificazione alla realizzazione, facendo riferimento alle risorse, materiali o personali, prestando la dovuta cura alla dimensione valutativa.

Inoltre, si presuppone la conoscenza della dimensione economica e un’attenzione particolare i principi etici, che dovrebbero essere parte integrante della capacità imprenditoriale e, infine, un’attenzione particolare alle sfide dello sviluppo sostenibile. 

Per quanto riguarda le abilità fanno sicuramente parte di questa competenza imprenditoriale la capacità di immaginazione, di pensiero strategico, di risoluzione alternativa e creativa dei problemi, di riflessione critica sulle diverse situazioni che si vanno ad affrontare. E’ Inclusa la capacità di lavorare individualmente ed in modo collaborativo con altri. E’, inoltre, indispensabile saper negoziare e gestire le diverse fasi della negoziazione per addivenire ad un punto di convergenza tra le persone coinvolte sui diversi temi che vanno affrontati. Fra le abilità vi è anche il saper affrontare la cosiddetta incertezza e riuscire a gestirla in maniera ottimale.

Per quanto riguarda, invece, gli atteggiamenti centrale è lo spirito di iniziativa e di autoconsapevolezza: saper cogliere quali siano le difficoltà, i propri punti di forza, di debolezza e le opportunità, essere lungimiranti, prevedere anche quelle situazioni che possono incontrarsi nella realizzazione di un progetto, piuttosto che nella realizzazione di qualsiasi attività. Altri aspetti centrali sono essere perseveranti, motivare gli altri, valorizzare le loro idee, essere ben disposti ad una collaborazione costante anche di fronte agli ostacoli o, comunque, ai momenti di confronto acceso. Nel rapporto con gli altri, tra gli atteggiamenti dovrebbe esserci saper assumere e affrontare con empatia le diverse situazioni e infine sapersi prendere cura delle altre persone e del mondo.

Le 8 competenze chiave per l’apprendimento permanente.

Il Consiglio dell’Unione Europea nel 2006 e, successivamente, nel 2018, ha sostenuto la necessità di acquisire conoscenze, abilità e competenze indispensabili per affrontare la complessità del mondo contemporaneo.

Luisa Treccani

Se hai trovato utile l'articolo, di seguito alcuni post che potrebbero interessarti.

Pedagogia e Didattica

Competenza in materia di cittadinanza

La sesta competenza è la competenza di cittadinanza e consiste nella capacità di essere cittadini responsabili, partecipi e attenti alla vita sociale e politica

Approfondisci
Pedagogia e Didattica

Competenza personale, sociale e capacità di imparare ad imparare

Conoscenze, abilità e atteggiamenti essenziali per far fonte all'incertezza, alla complessità e per imparare ad imparare

Approfondisci
Pedagogia e Didattica

Competenza digitale

La quarta competenza chiave per l'apprendimento permanente è definita competenza digitale.

Approfondisci
Pedagogia e Didattica

Competenza in matematica, in scienze, tecnologia e ingegneria

La terza competenza delle otto competenze chiave per l'apprendimento permanente è molto strutturata e si articola in diversi passaggi.

Approfondisci
Pedagogia e Didattica

Competenza multilinguistica

La seconda competenza delle otto competenze chiave per l'apprendimento permanente è la competenza multilinguistica.

Approfondisci
Pedagogia e Didattica

Competenza alfabetica funzionale

La competenza alfabetica funzionale è la prima delle otto competenze chiave per l'apprendimento permanente.

Approfondisci