Faq Scuola

Cosa s’intende quando si parla di lavoratori fragili?

Sono considerati fragili i lavoratori con situazioni di salute delicate ed esposte a rischio di contagio.

La ripresa dell’attività didattica in presenza con il nuovo anno scolastico 2020/21 ha richiesto ad ogni scuola l’elaborazione di uno specifico protocollo di sicurezza utile a convivere ancora con la situazione di rischio contagio. In esso sono inseriti tutti gli accorgimenti ed i comportamenti che il personale della scuola e gli studenti devono assumere per una corretta gestione della salute. Ciascun lavoratore, a fronte di una situazione di salute particolarmente delicata e più esposta, pertanto, a rischi di contagio, può segnalare e documentare la propria situazione di fragilità al medico competente della scuola e verificare tramite quest’ultimo quale soluzione mettere in campo per il nuovo anno.

Faq Correlate

In base all’articolo 23 comma 4 del contratto collettivo comparto scuola, le assemblee programmate in orario di servizio e coincidente con le lezioni devono essere svolte nella prima fascia oraria o nell’ultima fascia oraria delle lezioni. Per quanto riguarda, invece, le assemblee che coinvolgono il personale ATA, le stesse possono essere anche in orari non coincidenti con quelli delle lezioni e quindi in orari intermedi

Apri la scheda

Quando si parla di trasparenza nella pubblica amministrazione e nella scuola s’intende l’accessibilità totale di dati e di documenti in possesso della pubblica amministrazione, al fine di tutelare i diritti dei cittadini, di favorire la partecipazione agli interessi dell’attività amministrativa e di favorire forme diffuse di controllo nel perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche.

Apri la scheda

Gli organi collegiali che prevedono un rinnovo attraverso elezione sono i seguenti: 

  • consiglio di istituto e giunta esecutiva, rinnovati ogni tre anni. Se nel triennio decade un rappresentante, si procede con la surroga nominando il primo dei non eletti nelle rispettive liste. La rappresentanza studentesca è rinnovata annualmente. Nel caso di esaurimento delle liste/in cui non siano rappresentati tutte le componenti, si procede con elezioni supplettive. 
  • Comitato di valutazione dura in carica tre anni scolastici. 
  • Consiglio di intersezione, di interclasse e di classe sono rinnovati annualmente con procedura semplificata. 

(Fonti: Testo Unico in materia di istruzione, come modificato dal DL n. 9/2020, convertito con L. n. 12/2020, OO.MM. nn. 267/1995, 293/1996 e 277/1998).

Apri la scheda

L’acronimo GPS designa le Graduatorie Provinciali per le Supplenze.  A decorrere dall’Anno Scolastico 2020/21, accanto alle graduatorie delle singole istituzioni scolastiche, sono state istituite graduatorie provinciali con il medesimo personale ma con l’obiettivo di coprire sin dall’inizio dell’anno scolastico tutti i posti liberi e vacanti al 30 giugno ed al 31 Agosto. Pertanto, quando le GPS saranno entrate in vigore a pieno regime, le graduatorie degli istituti saranno destinate solo ad essere utilizzate per coprire le supplenze brevi e saltuarie generate in corso d’anno.

Apri la scheda

Nel corso dell’Anno Scolastico 2019/20, l’emergenza sanitaria legata al Covid 19 ha costretto il mondo della scuola a riorganizzare l’attività didattica attraverso la cosiddetta Didattica a Distanza (DAD), che ha consentito di traghettare la conclusione di un complicato e difficile anno.

Per la progettazione dell’Anno Scolastico 2020/21 si è reso necessario mettere in cantiere regole di convivenza con una situazione epidemiologica ancora incerta, pur riprendendo la didattica in presenza.
Pertanto, le necessità contingenti, i vincoli organizzativi, i problemi connessi alla gestione dello spazio, del tempo e delle relazioni obbligano le scuole a pianificare un piano di Didattica Digitale Integrata (DDI), complementare nella secondaria di secondo grado all’attività in presenza, straordinario per il primo ciclo di istruzione a fronte di chiusure necessarie.

Apri la scheda

Si tratta di un istituto contrattuale che consente di instaurare un dialogo e di partecipare costruttivamente ad approfondire le tematiche oggetto di informativa e di risolvere controversie al tavolo trattante.

Nel CCNL Comparto Scuola 2016/18 è regolamentato all’Art. 6.

Il confronto si avvia partendo dalla informativa fornita ai soggetti sindacali e a seguito della richiesta da parte sindacale o come scelta di parte datoriale entro cinque giorni dal ricevimento dei materiali.

Nei quindici giorni successivi all’avvio del confronto si devono svolgere gli incontri e si deve redigere verbale conclusivo di sintesi delle posizioni e dei lavori.

Apri la scheda

Il piano annuale delle attività riguarda il personale docente ed include tutte le attività funzionali alla docenza e gli impegni di carattere collegiale: collegio docenti, consiglio di classe, riunioni di dipartimento disciplinare, scambi d’informazione con le famiglie sui risultati degli scrutini;…

Esso si articola in due pacchetti orari che possono arrivare fino ad un massimo di quaranta ore ciascuno.

Lo stesso è approvato dal collegio docenti ad inizio anno scolastico sulla base della proposta elaborata dal collegio docenti.

Il riferimento normativo è il CCNL Comparto Scuola 2006/09 art. 28 c. 4.

Apri la scheda

Rimaniamo in contatto

Iscriviti alla Newsletter.
Non perdere neanche un aggiornamento!

.