Faq Scuola

Trovare risposte semplici e veloci ai quesiti sul mondo della scuola.

Agli insegnanti con contratto Agidae, i giorni degli esami di terza media vanno pagati extra?

Sì, l'articolo 45 del CCNL AGIDAE prevede il riconoscimento di 25.00 euro lordi per ogni giorno di effettiva presenza.

Sì, l’articolo 45 del CCNL AGIDAE prevede il riconoscimento di 25.00 euro lordi per ogni giorno di effettiva presenza, per i componenti delle commissioni dell’esame di Stato conclusivo della scuola secondaria di primo grado.

Faq Scuola
Domande e risposte correlate

I soggetti si classificano in interessati e controinteressati. Gli interessati sono soggetti privati che hanno un interesse diretto, concreto ed attuale corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata, che si può esercitare con l’accesso a questi documenti e viene tutelato in questo modo. I controinteressati sono, invece, sempre soggetti individuabili o facilmente individuabili che dall’esercizio di quel diritto di accesso potrebbero vedere compromesso il proprio diritto alla riservatezza.

Non sempre… Infatti, l’Art. 28 del CCNL scuola 2016/18 prevede quanto segue: “… l’orario di cui al comma 5 di tale articolo può anche essere parzialmente o integralmente destinato allo svolgimento di attività per il potenziamento dell’offerta formativa di cui al comma 3 o quelle organizzative di cui al comma 4, ferma restando la prioritaria copertura dell’orario di insegnamento previsto dagli ordinamenti scolastici. Le eventuali ore non programmate nel PTOF dei docenti della scuola primaria e secondaria sono destinate alle supplenze sino a dieci giorni”.
Quindi tale sostituzione è prevista solo le ore del potenziato non sono impegnate nei progetti del PTOF ma sono ore cosiddette “a disposizione”.

No, il contratto collettivo nazionale del comparto scuola non regolamenta la didattica a distanza.

Se ne occupa una specifica sequenza contrattuale, firmata in Ottobre 2020.

In questo importante documento si richiamano i principi della libertà di insegnamento e della partecipazione degli organi collegiali nelle scelte didattiche ed organizzative delle scuola.

La validità dell’anno scolastico può essere finalizzata a vari scopi: punteggio in graduatoria d’istituto per le supplenze del personale a tempo determinato; punteggio per la graduatoria interna del personale a tempo indeterminato ai fini dell’individuazione dei perdenti posto; riconoscimento dell’anno ai fini della ricostruzione di carriera;…

A prescindere dallo scopo, l’anno scolastico è considerato valido se sono prestati almeno 180 giorni di servizio o si è prestato servizio continuativo dal primo febbraio agli scrutini.

Questo è previsto dal D.Lgs n, 297/1994 in diversi articoli a seconda dello scopo: art. 438 c. 1 per il superamento del periodo di prova; art. 527 c. 2 per la retribuzione delle supplenze annuali; art. 489 c. 1 per la validità dell’intero anno scolastico, precisato a decorrere dall’A.S. 1974/75 e ripreso dalla Legge n. 124/1999 art. 11 c. 14

I'M SOCIAL
seguimi