Navigation

Articoli correlati

Torna agli ultimi articoli

Esame di Maturità 2019: aggiornamenti

A pochi mesi dall'esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione e formazione, sono state approvate indicazioni operative da mettere in cantiere per la maturità 2019


Luisa Treccani
Esame di Maturità 2019: aggiornamenti
Pubblicato

E’ stata pubblicata la tanto attesa Ordinanza Ministeriale sugli Esami di Stato della secondaria di secondo grado per l’anno scolastico 2018/19.

Dopo le esternazioni del Ministro sull’intenzione di modificare il D.Lgs. 62/2017, la cui entrata in vigore definitiva doveva avvenire nel corso del corrente anno scolastico, nelle scuole si è diffusa una certa preoccupazione per il poco tempo a disposizione.

Nel comunicato accompagnatorio dell’O.M. 205/2019, si dichiara la volontà di utilizzare tale strumento come guida per la maturità 2019, in aiuto di commissioni e per lo svolgimento delle prove del prossimo Giugno.

Le prossime tappe sono le seguenti:
26 Marzo 2019: simulazione della prima prova;
2 Aprile 2019: simulazione della seconda prova;
17 Giugno 2019: prima riunione plenaria delle commissioni;
19 Giugno 2019: prima prova scritta;
20 Giugno 2019: seconda prova scritta.

Rimane la scadenza del 15 Maggio per l’elaborazione da parte dei consigli di classe del Documento relativo al percorso formativo svolto dagli/lle studenti/esse, con i relativi riferimenti ai tempi e modi della programmazione, alle modalità ed ai criteri di valutazione. Tale documento serve ancora alle commissioni per condurre il colloquio, tenendo conto del percorso svolto e degli eventuali approfondimenti di Cittadinanza e Costituzione.

L’O.M. per la Maturità 2019 ricalca molti passaggi relativi alla gestione dei candidati interni ed esterni, dettaglia le fasi e le operazioni da svolgersi in ciascuna delle sopracitate scadenze, riprende le Note Miur 3050 e 17676 del 4/10/2018.

L’O.M. dedica, inoltre, un approfondimento alla conduzione del colloquio e soprattutto alla preparazione dello stesso, in quanto la commissione è chiamata a preparare dettagliatamente i passaggi propedeutici, in coerenza con il cosiddetto Documento del 15 Maggio. La commissione deve, infatti, scegliere testi, documenti, materiali,… che intende sottoporre ai/lle candidati/e, inserirli in apposite buste chiuse, in numero superiore rispetto ai candidati stessi e, dell’intera procedura, stendere documentata verbalizzazione e conservarne relativa documentazione.

Durante il colloquio, tali materiali dovranno offrire lo spunto iniziale di discussione, con l’obiettivo di verificare contenuti e metodi specifici di ciascuna disciplina, valutare la capacità del/lla candidato/a di utilizzare conoscenze e metterle in relazione per argomentare in maniera critica e personale.

Le novità sopraggiunte alla data di Marzo stanno, indubbiamente, creando preoccupazione, soprattutto per la tempistica ristretta e per le ulteriori incombenze che l’O.M. attribuisce alle commissioni d’esame.
Siamo di fronte un’altra volta alle modifiche di norme, calate dall’alto, senza sperimentazione, coinvolgimento degli attori della scuola e, soprattutto, senza il tempo materiale per affrontare una nuova modalità d’esame per la Maturità di Giugno 2019.

Articoli correlati

Legislazione Scolastica

Autonomia differenziata lombarda sul tema istruzione

La cornice di riferimento entro cui si inserisce la cosiddetta Autonomia Regionale Differenziata è la Carta Costituzionale

Pubblicato il da Luisa Treccani
Legislazione Scolastica

Ferie e permessi nella scuola

Ferie e permessi fruiti in corso d'anno scolastico generano spesso incomprensioni e difficoltà di applicazione.

Pubblicato il da Luisa Treccani

Iscriviti alla NewsLetter

Ricevi gli ultimi articoli e aggiornamenti tramite email

Dati personali trattati ai sensi del Regolamento Europeo 679/2016 (GDPR) privacy policy